logo
m1 m4
 

Palma Di Nunno

Riflettere Bergson

La filosofia come rovesciamento
 


 
coplibroRiflettere Bergson va inteso nel senso suggerito dall’uso transitivo del verbo: si tratta cioè di “rispecchiare”, per restituire un’esperienza di questa filosofia azzardandone una riscrittura e, soprattutto, per fare luce sulla sua flessione intrinseca. A flettersi, incurvarsi e ripiegarsi, nello sforzo di seguire le curve del reale modellandosi sulla sua mobilità, è il pensiero di Bergson, che tenta così di vincere la rigidità di ogni schema.
Il ricorrere nelle opere di un certo lessico del rovesciamento, dell’inversione, della conversione, e di immagini, esplicite o da esplicitare, che rimandano alla stessa dinamica, rappresenta il punto di partenza di questo studio. L’inversione, benché mai messa a tema come tale, ha un ruolo decisivo in questa filosofia, perché ne è il fondamento e la direzione. Farlo emergere e definirne i tratti si rivela un valido principio di lettura, volto a restituire, nella sua complessità, il movimento di questo pensiero che pensa il movimento.

Palma Di Nunno (Torino, 1979) ha conseguito la Laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Torino e il titolo di Dottore di Ricerca in Filosofia presso l’Università Paris-IV Sorbonne e l’Università del Salento.





Indice
 


 
 
Prefazione di Ugo Ugazio  9  
 
Abbreviazioni delle opere di Bergson  14  
 
Introduzione
1.
Considerazioni metodologiche  15  
2.
Lessicologia speculativa  22
3. Rischi inevitabili: il movimento retrogrado del vero, la logica di fabbricazione e la
ripetitività  29
 
Capitolo 1
Repérage: prime coordinate
 
1.
L’inversione come principio del metodo  39
2.
La filosofia è «conversion de l’attention»  49
3. L’inversione come «image médiatrice»  54
4. Le figure rovesciate di Matière et mémoire  62
5. Conversione: tra epistrophē e metanoia  74
6. Un’«ambiguità neoplatonica»?  81
 
Capitolo 2
Lo stile del pensiero
 
1.
Inversione e linguaggio: un momento di microlettura  87
2.
Un paradosso?  92
3. Parole e pensiero: il linguaggio della filosofia  101
4. Una parola gracile e graziosa  106
5. Intuizione estetica e intuizione metafisica  114
6. L’arte filosofica della composizione  122
7. Inversione e dualismo: una questione di espressione  128
8.1 Le rire. Il mondo alla rovescia  137
8.2 Un esercizio di filosofia “al dritto”. L’inversione: da «image médiatrice» a «image
primitive»  145
 
Capitolo 3
L’évolution créatrice: l’opera dell’inversione e l’inversione all’opera
 
1.
Il rovesciamento ne L’évolution créatrice: doppia portata di una stessa immagine  155
2.
Inversione e tendenza. Le forme della creazione  159
3. Le specie: vortici della creazione  172
4.1 Un’inversione nel cuore dell’essere  186
4.2 Coscienza e vita, vita e coscienza  193
4.3 Di nuovo su inversione e dualismo  195
5. L’intuizione: inversione dell’inversione  201
6. L’«élan vital»: un’immagine per analogia  210
7. Rovesciare il rovescio: conferma dell’inversione come esigenza del metodo ne L’évolution créatrice  215
 
Capitolo 4
«Agir en homme de pensée et penser en homme d’action»
 
1.
Il valore insostituibile dello sforzo  231
2.
L’esperienza della verità. Tra metafisica e morale  243
3. Una meditazione per immagini  252
4. La gioia: un sentimento divino  264
5. Le anime della conversione  270
6. «Les meilleurs d’entre nous». Posto e ruolo della filosofia  277
7. L’accordo e i suoi rivolti. Considerazioni conclusive  282
 
Appendice:
 
Lessico scelto  303
Figure del rovesciamento  319
Bibliografia  323

  



L. Pareyson  |  Home  |  Presentazione  |  Lo statuto  |  Attività in corso  |  Archivio attività
Pubblicazioni  |  Annuario Filosofico  |  Links  |  Come raggiungerci
Scuola di Alta Formazione Filosofica