logo
m1 m4
 

Francesco Ferrari

Religione e religiosità

Germanicità, ebraismo, mistica
nell’opera predialogica di Martin Buber

 


 
castiglioniSolcando il mare aperto dell’Europa all’alba del Ventesimo secolo, il giovane Martin Buber (1878-1965) ha sopra di sé diverse costellazioni, offerte tanto dal filosofare di Nietzsche, Dilthey e Simmel, quanto dalla letteratura della Jung Wien, quanto ancora da un ebraismo personale e sotterraneo, oscillante tra sionismo culturale e chassidismo. L’antitesi tra religione e religiosità offre a lui – come a noi – il sestante con il quale orientarsi in una così ardua navigazione. Forte di ciò, Buber veleggia in direzione dei lidi, talora ascosi, della mistica, approdando a Cusano e a Böhme, a Laozi e al Baal Schem. La pluralità delle vie, da lui attraversate in questa stagione della sua vita e del suo pensiero, è fedelmente ripercorsa nella presente monografia, in cui il giovane Buber assurge a paradigmatico testimone della simbiosi ebraicotedesca d’inizio Novecento e della sua irripetibile Stimmung.


Francesco Ferrari
(Genova 1986) è Wissenschaftlicher Mitarbeiter presso la Friedrich Schiller Universität Jena, dove svolge attività di ricerca incentrata sul pensiero ebraico del Novecento. È autore della monografia Presenza e relazione nel pensiero di Martin Buber (Alessandria 2012) e curatore di diverse edizioni italiane di opere del filosofo viennese, apparse per Il Melangolo, Giuntina, Morcelliana.

 





Indice
 


                 
Prefazione  I
di Martin Leiner
   
Ringraziamenti  11
   
Introduzione  15
                 
I.
 
Deutschtum nella formazione del pensiero buberiano  25
   
I.1.
  Influssi e incontri  28
        I.1.1.   La presenza di Nietzsche  28
        I.1.2.   Gli anni dell’università  36
            I.1.2.1.   Allievo di Dilthey  38
            I.1.2.2.   Allievo di Simmel  48
   
I.2.
  Letteratura e teatro  58
        I.2.1.   Fin de Siècle, finis Austriae  61
        I.2.2.   Un giovanissimo Buber entra in contatto con la Jung Wien  64
        I.2.3.   La Theatralische Sendung di Martin Buber  72
   
I.3.
  Cultura, comunità, società  75
        I.3.1.   La determinazione della cultura  75
            I.3.1.1.   Kultur und Zivilisation  75
            I.3.1.2.   Kultur und Religiosität  79
        I.3.2.   Martin Buber pensatore anarchico della comunità  83
            I.3.2.1.   L’esperienza di Neue Gemeinschaft  85
            I.3.2.2.   La Wahlverwandtschaft
tra martin Buber e Gustav Landauer  93
        I.3.3.   L’interumano come principio della società  99
     
II.
 
Sionismo culturale ed ebraismo sotterraneo  107
   
II.1.
  Cultursionismo  107
        II.1.1.   Origini di un movimento  111
            II.1.1.1.   “Feci professione di ebraismo prima di conoscerlo veramente”  111
            II.1.1.2.   Il “risveglio del nostro popolo”: componimenti poetici  114
        II.1.2.   1901. Verso il V congresso sionista  118
            II.1.2.1.   Rinascimento ebraico  118
            II.1.2.2.   Il compito di un’elevazione spirituale  123
        II.1.3.   Apogeo e declino del Cultursionismo buberiano  129
            II.1.3.1.   Frazione democratica
e l’affermazione di un centro spirituale  130
            II.1.3.2.   Arte ebraica  137
            II.1.3.3.   Un epilogo solo apparente  140
   
II.2.
  Un ebraismo personale e sotterraneo  146
        II.2.1.   I primi tre discorsi sull’ebraismo  147
            II.2.1.1.   Il senso che l’ebraismo ha per gli ebrei  147
            II.2.1.2.   l’ebraismo come fenomeno popolare  153
            II.2.1.3.   Il carattere profetico del rinnovamento dell’ebraismo  158
        II.2.2.   Lo spirito dell’ebraismo  162
            II.2.2.1.   Cogliere l’assoluto del reale la mitopoiesi ebraica  163
            II.2.2.2.   Il carattere orientale dell’ebraismo  166
            II.2.2.3.   Ebraismo come religiosità  169
            II.2.2.4.   Verso una rigenerazione dell’ebraismo  175
                 
III.
 
La mistica, luogo della libertà religiosa  179
   
III.1.
  Mistici tedeschi  181
        III.1.1.   Una lettura di Jacob Böme  181
        III.1.2.   Due autori moderni per la storia del problema
dell’individuazione
 186
            III.1.2.1.   L’oggetto della dissertazione  187
            III.1.2.2.   La riformulazione della dottrina del Microcosmo  190
            III.1.2.3.   Individuo e individuazione in Cusano  194
            III.1.2.4.   Individuo e individuazione in Böme  199
   
III.2.
  La riscoperta del chassidismo  202
        III.2.1.   Due antologie portano il chassidismo all’attenzione dell’uomo occidentale  202
        III.2.2.   Cabbalà divenuta ethos. La determinazione del chassidismo in
Le storie di Rabbi Nachman  208
        III.2.3.   Mitopoiesi e i quattro volti dell’estasi.
La Leggenda del Baal Schem
 216
            III.2.3.1.   Il conflitto tra mito e religione nella mistica ebraica  216
            III.2.3.2.   I quattro volti dell’estasi nella mistica ebraica  219
        III.2.4.   La critica di Buber alla religione attraverso la ridefinizione
dell’antitesi sacro-profano operata dal chassidismo  227
   
III.3.
  Tra Oriente e Occidente  235
        III.3.1.   Il pellegrinaggio a Oriente di Martin Buber  235
        III.3.2.   La lezione di Buddha e il folklore di straordinari racconti cinesi  244
        III.3.3.   Buber e il pensiero taoista  247
            III.3.3.1.   Dall’insegnamento alla religione  248
            III.3.3.2.   La determinazione del Tao  253
        III.3.4.   La ‘voce dell’uomo’: Confessioni estatiche  260
        III.3.5.   Epica e mito tra Celti e Finni  269
        III.3.6..   Mistica come solipsismo religioso  270
   
III.4.
  Sulla soglia del dialogo  274
        III.4.1.   Daniel. Summa del pensiero predialogico buberiano ed opera di transizione  275
            III.4.1.1.   Direzione in vista del conseguimento dell’unità  279
            III.4.1.2.   Realtà come realizzazione  281
            III.4.1.3.   Vivere pericolosamente: il senso  285
            III.4.1.4.   Il teatro, luogo della popolarità  290
            III.4.1.5.   La forza di una vita è la forza della sua unità  293
        III.4.2.   Gli anni della Grande Guerra  297
            III.4.2.1.   Intorno al Kriegsbuber  297
            III.4.2.2.   Caporedattore di Der Jude   300
            III.4.2.3.   Eventi e incontri  306
            III.4.2.4.   Verso una conversione  314
                 
Conclusione
Martin Buber pensatore religioso liberale  319
                 
Bibliografia   331
                 
Indice dei nomi   359
                 
 
 

 



L. Pareyson  |  Home  |  Presentazione  |  Lo statuto  |  Attività in corso  |  Archivio attività
Pubblicazioni  |  Annuario Filosofico  |  Links  |  Come raggiungerci
Scuola di Alta Formazione Filosofica