Scuola di Alta Formazione Filosofica


Francesco Moiso

Goethe:
la natura e le sue forme

L'edizione del presente volume esce postuma
a cura di Cornelia Diekamp
 
con la collaborazione
di Rosa Camoletto Pasin, Flavio Cuniberto, Federica Viganò


 


La presente pubblicazione tratta di Goethe naturalista e delle sue idee morfologiche relative a fisiognomica, botanica, zoologia, geologia, meteorologia, fino ai suoi celebri studi sulla teoria dei colori contrapposta all'ottica di Newton. Caratteristica di Goethe è la sua visione complessiva della natura. Egli fu così attratto dai fenomeni di mutazione e trasformazione delle creature organiche e del mondo inorganico che immaginazione e natura sembravano competere in lui. Goethe ci ha dischiuso nelle diverse parti della dottrina della metamorfosi nuovi aspetti della natura e le sue intuizioni sono feconde ancora per il nostro tempo.

Francesco Moiso (1944-2001) è stato uno dei massimi conoscitori della Filosofia classica tedesca. Il suo contributo maggiore è la rivalutazione della filosofia della natura alla luce della scienza. Gli ultimi scritti di Moiso tendevano a conciliare la scienza con la poesia. Sotto questo segno sono nate le sue ultime pubblicazioni: La Filosofia della Mitologia di F. W. J. Schelling, parte prima, Milano 2001, e Goethe tra arte e scienza, Milano 2001, la seconda delle quali intimamente legata a questo testo.




 

Indice



Cornelia Diekamp
Prefazione
p. 7

Francesco Moiso
E ho visto le idee addirittura con gli occhi
p. 9

Rosa Camoletto Pasin
Le teorie di Goethe e la botanica moderna
p. 18

Camillo Vellano, Claudia Vellano, Elena Gavetti
Goethe e l'anatomia comparata
p. 24

Emilio Ferrario, Alessandro Guastoni
J. W. Goethe Collezionista e indagatore della natura
p. 27

Ludolf von Mackensen
I fondamenti della teoria Goethiana dei colori 
p. 33

Catalogo
p. 41

Abbreviazioni
p. 116



 

L. Pareyson  |  Home  |  Presentazione  |  Lo statuto  |  Attività in corso  |  Archivio attività
Pubblicazioni  |  Annuario Filosofico