Scuola di Alta Formazione Filosofica
 

Luigi Pareyson

Glosse
a Sein und Zeit
di Martin Heidegger


A cura di Maria Luisa Lamberto e Ugo Ugazio


Già negli anni trenta, prima cioè che il pensiero heideggeriano sia reso noto grazie anche alle traduzioni italiane, Luigi Pareyson conduce nelle annotazioni qui pubblicate una lettura di Essere e tempo che, pur inserendo questo libro nell'esistenzialismo europeo, ne coglie la piena originalità nel modo in cui esso scopre l'«esistenza». La lettura qui condotta da Pareyson si limita a segnare punti nodali del percorso heideggeriano, senza mai intervenire con chiose aggiuntive o commenti interpretativi. Ad indicare il cammino sono note marginali costituite prevalentemente da cenni di traduzione e sottolineature del testo. La frequenza delle annotazioni e delle sottolineature è particolarmente indicativa: in questo senso, le due sezioni della parte pubblicata di Essere e tempo hanno un peso diverso. Mentre la prima appare interamente glossata, la seconda è glossata in misura corrispondente alla prima solo nei due capitoli iniziali, dedicati a morte e colpa.
L'insieme di queste annotazioni e sottolineature trova il suo compimento nei numerosi scritti che Pareyson ha dedicato alla Existenzphilosophie. A partire dal primo di questi scritti (ora in Studi sull'esistenzialismo), il pensiero dello Heidegger di Essere e tempo costituisce con quello di Jaspers una particolare versione dell'esistenzialismo, caratterizzata da quella negatività della trascendenza che impedisce l'accesso alla persona, accesso che invece, soprattutto in Esistenza e persona, Pareyson ha sviluppato con il suo «personalismo ontologico».



 

INDICE 
 


Presentazione di Ugo Ugazio  5
Nota preliminare di Maria Luisa Lamberto  13
Avvertenza  29
Glosse a Sein und Zeit di Martin Heidegger  33
Appendice  239
 




L. Pareyson  |  Home  |  Presentazione  |  Lo statuto  |  Attività in corso  |  Archivio attività
Pubblicazioni  |  Annuario Filosofico